News - heading

Elementi Navigazione

2022

19 aprile 2022

L’edizione 2021 del Bilancio di Sostenibilità Buzzi Unicem conferma l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Buzzi Unicem presenta la ventunesima edizione del Bilancio di Sostenibilità, il documento che illustra le perfomance in ambito economico, ambientale e sociale registrate nel corso del 2021.

Nell’anno appena trascorso, l’azienda ha rinnovato, a livello globale, il sostegno economico alle comunità colpite dall’emergenza Covid-19, devolvendo 1,5 milioni di euro tramite varie organizzazioni umanitarie che operano nei Paesi in cui è presente.

Nonostante il quadro emergenziale globale e un sostanziale aumento dei costi nella seconda metà dell’anno, i volumi produttivi sono migliorati e i risultati finanziari hanno mantenuto l’ottimo livello raggiunto nell’anno precedente. Il 2021, inoltre, è stato l’anno della pubblicazione della roadmap di GCCA, l’associazione mondiale dei produttori di cemento e calcestruzzo, alla cui stesura l’azienda ha partecipato attivamente, condividendone gli obiettivi. La roadmap GCCA presenta la progressiva riduzione delle emissioni di gas serra e il conseguimento della neutralità climatica al 2050. Buzzi Unicem è al momento impegnata nella definizione del suo piano strategico, teso a stabilire nuovi obiettivi per la riduzione delle emissioni di CO2.

Il Bilancio riporta la rendicontazione secondo le richieste da Tassonomia Europea e la valutazione dei rischi legati al cambiamento climatico in linea con le raccomandazioni della TCFD (Task Force on Climate-related Financial Disclosures).

L’azienda conferma l’impegno nel perseguimento degli obiettivi di salute e sicurezza per la salvaguardia delle proprie persone con più della metà delle ore di formazione dedicate a tali tematiche.

In questo scenario di grandi e forti cambiamenti, Buzzi Unicem ribadisce la volontà di agire in ottica di innovazione e progresso, attirando e trattenendo i giovani talenti, promuovendo meritocrazia e lavoro di squadra, condividendo con i propri stakeholder una visione strategica in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

03 marzo 2022

Buzzi Unicem presenta il Report Stakeholder Engagement 2021: al centro territorio e comunità

Buzzi Unicem presenta la seconda edizione del ‘Report Stakeholder Engagement’, che illustra le attività rivolte ai portatori di interesse e sviluppate nel corso del 2021.
Inclusione, trasparenza, attenzione al sociale e all’ambiente sono alcuni dei principi su cui si basano le iniziative di stakeholder engagement, condotte in collaborazione con enti e associazioni locali, con l’obiettivo di creare nuovi spazi di ascolto e di rafforzare il dialogo con il territorio.
Il report rappresenta il capillare coinvolgimento dei nostri stakeholder attraverso eventi e interventi di collaborazione legati al sostegno di persone svantaggiate o con disabilità, alla cultura, allo sport, all’arte.
 
Gli stabilimenti sono parte integrante e integrata del territorio e ospitano dibattiti e 
incontri di approfondimento, tesi a generare progetti attuabili e tangibili. 
Le unità produttive sono inoltre impegnate in progetti educativi: ospitano visite e corsi di formazione per studenti provenienti da istituti scolastici e università, con lo scopo di illustrare il ciclo produttivo, le tecniche in uso e l’innovazione tecnologica. 

La generazione e la condivisione del valore resta il principio cardine su cui si fonda l’operato dell’Azienda, dove la costruzione di relazioni di fiducia è di primaria importanza nel percorso sinergico di crescita collettiva. 
 

21 febbraio 2022

Il futuro dei cementi Buzzi Unicem è CGreen. Da know-how e innovazione nasce la linea di cementi più sostenibili

Buzzi Unicem lancia sul mercato italiano e tedesco la linea di prodotti CGreen, una famiglia di cementi a contenuto impatto ambientale.

In continuità con le politiche di sostenibilità che contraddistinguono l’azienda e con l’obiettivo di raggiungere i target della transizione ecologica, CGreen marca la naturale evoluzione dei leganti idraulici di Buzzi Unicem, proseguendo nel solco di una lunga tradizione di prodotti di qualità ed elevate performance. La linea CGreen è stata formulata selezionando idonee aggiunte attive, parzialmente sostitutive del clinker, ottimizzando le condizioni di macinazione e miscelazione e utilizzando additivi di nuova generazione, con l’obiettivo di garantire prestazioni tecniche di qualità.

“La transizione ecologica” spiega Antonio Buzzi, Chief Operating Officer Cemento Italia, richiede di adeguare comportamenti e azioni, così da rendere neutrale la nostra impronta carbonica: abbiamo tutti il dovere di ridurre le emissioni di CO2, ritenute un fattore chiave nell’amplificazione dell’effetto serra e, di conseguenza, del cambiamento climatico. Questa transizione, implica pertanto la parziale o totale riprogettazione dei processi di produzione, dei sistemi di distribuzione e dei modelli di consumo, segnando l’avvio di una potenziale rivoluzione industriale ed una mutazione delle nostre abitudini”.

Pertanto, per rispondere a questa sfida e coinvolgere tutta la filiera, l’azienda punta all’innovazione con una linea di prodotti  opportunamente selezionati e adatti a contenere la loro impronta ambientale.

Partendo dall’indicatore Global Warming Potential (GWP), che rappresenta l’impronta carbonica (carbon footprint) di ogni singolo legante, i cementi italiani CGreen sono stati riclassificati e organizzati, rendendo evidenti attraverso questa nuova linea quelli ambientalmente più performanti. Sono, inoltre, accompagnati dalle Dichiarazioni Ambientali di Prodotto, ottenute tramite il sistema di certificazione EPD, che garantisce piena trasparenza e rappresentatività delle prestazioni ambientali lungo il ciclo di vita del prodotto.

CGreen sarà il marchio distintivo per i cementi a ridotta impronta carbonica in tutti i Paesi in cui il gruppo opera. In particolare oggi, entrano far parte della famiglia CGreen, i cementi Dyckerhoff ECO COMFORT and Dyckerhoff CEDUR lanciati sul mercato tedesco.

Dirk Beese, Amministratore Delegato Dyckerhoff GmbH: “I cementi CGreen Dyckerhoff ECO COMFORT e CEDUR sono i nostri nuovi cementi con un'impronta carbonica inferiore del 39% rispetto ai cementi Portland standard. Questi cementi rappresentano la nostra risposta alla domanda crescente di prodotti a minor contenuto di CO2 nei nostri mercati”.

CGreen segna un ulteriore passo avanti verso la transizione energetica ed ambientale, obiettivo che l’azienda persegue investendo anche in progetti per il contenimento di tutte le emissioni e per lo sviluppo di tecnologie di cattura ed utilizzo della CO2.

 

Per maggiori dettagli sulla linea di prodotti CGreen:

Linea CGreen Itala 

CGreen Dyckerhoff Germania 

 

18 gennaio 2022

Italgas e Buzzi Unicem sottoscrivono un accordo per studiare la fattibilità di impianti Power to Gas per la decarbonizzazione dei processi produttivi dei cementi

Italgas e Buzzi Unicem hanno sottoscritto un accordo per lo sviluppo di uno studio di fattibilità relativo alla realizzazione di impianti Power to Gas in combinazione con sistemi di cattura CO2 (carbon capture) presso gli stabilimenti produttivi di Buzzi Unicem.

L’implementazione di queste tecnologie è volta a favorire la decarbonizzazione dei processi di produzione di cementi e calcestruzzi nell’ottica di una maggiore sostenibilità ambientale e di sostegno alla transizione energetica. In particolare, lo studio valuterà la possibilità di produrre e utilizzare, negli stabilimenti Buzzi Unicem ritenuti maggiormente idonei al progetto, metano sintetico ottenuto dalla combinazione di idrogeno verde prodotto dagli impianti di Power to Gas con parte della CO2 rilasciata nei processi produttivi.

L’accordo fa leva sulla solida esperienza maturata da Italgas nello sviluppo di un progetto Power to Gas in Sardegna per la produzione di idrogeno verde con l’obiettivo di testarne gli utilizzi anche nell’ambito dei contesti urbani, dei trasporti pubblici e nella fornitura a industrie energivore.

“Crediamo molto nella tecnologia Power to Gas ha dichiarato Paolo Gallo, Amministratore Delegato di Italgas – e nel suo contributo strategico alla transizione ecologica in un’ottica di sector coupling. La produzione di idrogeno da fonti rinnovabili abilita infatti l’impiego delle reti del gas nella duplice funzione di vettore e stoccaggio di energia garantendo maggiore flessibilità al sistema. L’accordo rappresenta una grande opportunità perché ci permette di fare un ulteriore passo avanti nello studio di soluzioni innovative e best practice tecnologiche. Siamo lieti quindi di mettere a disposizione di Buzzi Unicem il know-how che abbiamo sviluppato nella progettazione dell’impianto Italgas P2G che sorgerà in Sardegna e che porterà alla creazione della prima vetrina tecnologica della filiera di produzione dell’idrogeno verde in Italia”.

“Abbiamo colto con particolare interesse l’opportunità di collaborare con Italgas, quale partner di grande esperienza – conferma l’ing. Luigi Buzzi, Direttore Tecnico di Gruppo - per sviluppare un progetto che si integra pienamente nel nostro piano di investimenti industriali necessari ad individuare le tecnologie di cattura e riutilizzo della CO2 emessa dai nostri impianti, in linea con le roadmap definite dalle associazioni di settore.

La nostra volontà è di contribuire responsabilmente al contenimento dei cambiamenti climatici, sviluppando tecnologie di cattura della CO2 e individuando le migliori soluzioni per il suo riutilizzo. Attualmente è già attiva la sperimentazione industriale, presso il nostro Stabilimento di Vernasca (PC), della tecnologia Calcium Looping per la cattura dell’anidride carbonica liberata dal processo produttivo. Grazie al progetto EU Horizon 2020 “CLEANKER” (CLEAN- clinKER) si potrà infatti valutare la sostenibilità tecnico-economica di questa tecnologia e stimare le modifiche impiantistiche e gli investimenti necessari per adottare questo processo nelle cementerie esistenti.

Siamo pronti ad affrontare la transizione ecologica con grande determinazione e motivati ad avviare presto il progetto Power to Gas con Italgas con la speranza che si possa adottare in futuro questa nuova tecnologia su larga scala”.

2021

03 dicembre 2021

Manutenzione ciminiera Stabilimento di Barletta

Alla richiesta di informazioni da parte della cittadinanza sulla “ciminiera rimossa” desideriamo fornire le corrette informazioni, in maniera chiara e trasparente.
Si specifica che la ciminiera in questione è il camino secondario della linea di cottura clinker per il quale è in corso un’attività di manutenzione ordinaria.
Il camino, le cui emissioni sono autorizzate e monitorate dall’Autorità competente, verrà riposizionato al termine dei lavori previsti.
Teniamo a precisare che tale attività si sta svolgendo in contemporanea con il fermo della produzione programmata.

20 ottobre 2021

Il dialogo con il territorio, il vantaggio di operare in ottica di reciproca crescita

Buzzi Unicem presenta i progetti di stakeholder engagement e rinnova l’invito al dialogo, alla partecipazione attiva nelle scuole e alla collaborazione con i territori

Tutti gli stabilimenti Buzzi Unicem sono nuovamente aperti per ospitare visite.
Dopo un periodo che ci ha costretti a rallentare le nostre attività, oggi, gli ingegneri, i tecnici e tutto il personale delle cementerie è pronto ad accogliere in sicurezza le persone che desiderano approfondire come si produce il cemento e quali tecnologie vengono impiegate durante tutto il processo produttivo, dall’estrazione delle materie prime, fino alla macinazione e alla spedizione del clinker.

Buzzi Unicem considera lo Stakeholder Engagement un processo sistemico volto a generare valore, uno strumento fondamentale per promuovere la partecipazione attiva delle persone e condividere i principi e i valori su cui si fonda l’azienda.
Da questo processo virtuoso, sono nati numerosi progetti e iniziative, con l’obiettivo di rafforzare il rapporto sinergico con i territori, creando reciproca ricchezza e crescita.

In questi anni, gli stabilimenti sono stati teatro di “incontri d’arte”, di momenti di aggregazione e di confronto su molti temi di interesse per i territori. Intendiamo rinnovare l’invito a proseguire questo percorso di coinvolgimento attivo, valutando insieme nuovi progetti e iniziative, sito per sito.

Crediamo fortemente nell'arricchimento reciproco derivante dai progetti di alternanza scuola lavoro, offrendo un percorso creato per consentire ai giovani un’opportunità di progettare il proprio futuro e prepararsi all'inserimento nel mondo del lavoro.

L’iniziativa, denominata “High Five”, viene sviluppata in sinergia con le scuole e segue la logica dell’“imparare facendo” promuovendo la stretta collaborazione tra azienda e istituti. Questo progetto rappresenta un ottimo veicolo per superare la tradizionale separazione tra contesto scolastico e lavorativo, avvicinando i due mondi attraverso percorsi condivisi con l’obiettivo di ridurre i tempi di ingresso nel mondo del lavoro per le nuove generazioni. Anche questa attività è ripresa regolarmente e sono già diverse le richieste di collaborazione da parte delle scuole.

In ottica di miglioramento continuo, Buzzi Unicem persegue la creazione di valore attraverso le buone pratiche di stakeholder engagement, continuando il percorso intrapreso da diversi anni nella condivisione di principi fondamentali comuni e di criteri di correttezza e trasparenza.


Vuoi visitare la cementeria?

Per visitare la cementeria inviare una mail o telefonare ai riferimenti indicati al seguente link: Fabbriche aperte 


High 5: Rapporti con le scuole

Per maggiori dettagli:

“High 5”: l’impresa incontra la scuola 
Per informazioni e candidature su progetti di permanenza in azienda inviare la richiesta a: scuola@buzziunicem.it


Dialogo con gli Stakeholder - per approfondimenti sul percorso intrapreso da Buzzi Unicem e i dettagli dei progetti 2020:

Stakeholder Engagement 

Report Stakeholder Engagement 

23 luglio 2021

Confermate le carenze evidenziate da Buzzi Unicem alla base del progetto

Durante la riunione tecnica tra ASL e Comune di Barletta e i firmatari del protocollo d’intesa sul biomonitoraggio delle unghie dei bambini, è stata posta in evidenza l’assenza di correlazione tra metalli pesanti rilevati e l’insorgenza di patologie o danni alla salute.

Si apprende inoltre che lo stesso dottor Agostino Di Ciaula abbia illustrato la necessità di approfondimenti epidemiologici, ammettendo che trattasi di un settore scientifico in fase evolutiva per il quale non sussistono standard di riferimento, tali da poter destare al momento alcuna preoccupazione.

La mancanza di standard di riferimento per il campione biologico scelto è stata solo uno degli aspetti che Buzzi Unicem ha fin da subito rilevato, sottolineando le evidenti carenze in grado di rendere del tutto ipotetiche le conclusioni dello studio in oggetto.

Altro elemento fondamentale che dovrà essere attentamente vagliato dagli Enti è l’assenza di qualunque correlazione con l’attività della Cementeria di Barletta.

L’Azienda ribadisce quindi la piena disponibilità a collaborare con gli Enti coinvolti nel progetto, convinta di quanto sia imprescindibile fornire informazioni complete e corrette alla cittadinanza, piuttosto che prospettare dati di dubbia valenza, utili solamente a creare un clima di suggestione.

Il vero impegno è rappresentato da valutazioni metodologicamente e scientificamente condotte sulla base di dati oggettivi e circostanziati, unica modalità che riteniamo possa fornire un’informazione ambientale appropriata.

14 luglio 2021

Buzzi Unicem rileva evidenti mancanze nello studio sul bioaccumulo di metalli condotto a Barletta dal dott. Di Ciaula

In merito allo studio del dottor Agostino Di Ciaula, condotto nel contesto della cementeria di Barletta e pubblicato recentemente sulla rivista “Exposure and Health”, Buzzi Unicem ha preso visione dei risultati emersi e ha attivato un processo di approfondimento, per valutare con attenzione quanto riportato.

Ad esito di una prima analisi si rilevano evidenti carenze in grado di viziare lo studio in oggetto. Si ritiene quindi necessaria un’opportuna valutazione della tesi esposta da parte degli Enti competenti, al fine di fornire un’adeguata informazione alla cittadinanza.

In via esemplificativa alcuni aspetti da sottolineare:
• le ricadute delle emissioni considerate dalla ricerca non riflettono la reale situazione di fatto
• nel periodo preso a riferimento ai fini della qualità dell’aria il forno della cementeria di Barletta non è stato in marcia per più della metà del tempo
• i dati sono stati pubblicati in maniera parziale, tale da non consentire una disamina completa della situazione rilevata
• per diversi metalli, lo studio ha riscontrato concentrazioni più elevate nelle unghie dei bambini non soggetti alla ricaduta alle emissioni della cementeria 
• i campioni biologici sulle unghie sono inclini a contaminazioni esterne, presentando importanti criticità nella valutazione dell’esposizione ambientale, in mancanza peraltro di valori affidabili di confronto. 

Il documento predisposto da Buzzi Unicem sarà condiviso a breve con tutti gli Enti competenti, in un’ottica di trasparenza e responsabilità.

L’azienda conferma il proprio impegno per la tutela della salute e del benessere delle comunità in cui è presente e si adopera per approfondire con accuratezza le preoccupazioni di molti cittadini, nell'interesse di tutti.

28 giugno 2021

Disponibili i numeri delle cementerie 2020

Anche quest’anno sono disponibili i dati più rilevanti del 2020 per ogni Stabilimento, riportati in brochure dedicate che oltre ad essere scaricabili da questo link possono anche essere ritirate in formato cartaceo in occasione delle visite in cementeria.

L’obiettivo è informare gli Stakeholder sulle attività dei siti produttivi di Buzzi Unicem, sia a livello strettamente operativo sia a livello di presenza sul territorio. Più in particolare, i dati sono organizzati in due macro aree: i numeri specifici di Stabilimento e la parte generale del Gruppo. 
Per quanto riguarda il focus sul singolo Stabilimento, si riportano i numeri rilevanti per l’ambiente, gli infortuni del personale dipendente, gli eventi che vedono coinvolto lo Stabilimento e le emissioni in atmosfera.

I dati relativi all’ambiente riguardano le tonnellate di materie prime recuperate (Economia Circolare), i kWh consumati per produrre una tonnellata di materiale cementizio, le Mcal utilizzate per produrre una tonnellata di clinker e gli investimenti in Ambiente e Sicurezza nel triennio 2018-2020. Le emissioni in atmosfera evidenziate sono, invece, di Polveri, di Ossidi di Azoto e di Ossidi di Zolfo.
Guardando, invece, la parte generale del Gruppo, sono riportati i numeri significativi di Buzzi Unicem S.p.A., le certificazioni ricevute e le Politiche di Gruppo.

06 maggio 2021

Buzzi Unicem presenta il Bilancio di Sostenibilità 2020. Attenzione ai temi ambientali e aiuto alle comunità locali per l’emergenza Covid: ecco i temi in evidenza in questa edizione del report

In data odierna Buzzi Unicem ha presentato l’edizione 2020 del Bilancio di Sostenibilità.

Oltre alla rendicontazione puntuale degli indicatori economici, ambientali e sociali, il documento presenta un aggiornamento su obiettivi e target, in linea con le politiche promosse dall’azienda.

Dal punto di vista economico, i risultati finanziari evidenziano un miglioramento rispetto ai livelli raggiunti nel 2019 nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria. L’azienda auspica che sia i piani di vaccinazione sia lo stimolo all’economia annunciati dai governi, possano rafforzare la domanda per il settore contribuendo alla crescita.
Sul piano ambientale, il report illustra l’impegno del Gruppo nella riduzione della CO2 che in valore assoluto, nel 2020, è risultata in calo principalmente per una minore produzione di clinker e per un minor utilizzo di energia elettrica.

Il 2021 sarà fondamentale per la definizione di nuovi target di abbattimento delle emissioni di CO2 a medio termine, mentre l’obiettivo della neutralità climatica al 2050, già annunciato da Cembureau  associazione dei produttori di cemento europea, sarà probabilmente confermato anche dall’associazione mondiale GCCA (Global Cement and Concrete Association) di cui Buzzi Unicem è membro. Per l’azienda si tratta di una sfida complessa e stimolante, alla quale non vuole sottrarsi.

Le performance sociali evidenziano i risultati delle buone pratiche in termini di salute e sicurezza sul lavoro e confermano il trend in diminuzione degli infortuni degli ultimi anni. Inoltre, per mitigare le criticità legate all’emergenza sanitaria l’azienda ha deciso di offrire sostegno a coloro che si sono trovati in particolare difficoltà nei territori dove il Gruppo è presente, devolvendo oltre 3 milioni di euro, in collaborazione con varie organizzazioni no-profit.

L’azienda riscontra, infine, come l’interesse per le informazioni non finanziarie sia in deciso aumento e rinnova l’impegno a migliorarne costantemente la qualità e il livello di dettaglio.

02 maggio 2021

Principio di incendio sotto controllo alla Cementeria Buzzi Unicem

Si informa che questa notte nello Stabilimento di Barletta, a causa della rottura di una tubazione contenente olio e delle alte temperature del condotto, si è generato un principio di incendio – prontamente estinto - per il quale sono intervenuti i vigili del fuoco a supporto della squadra aziendale di emergenza.

L’intervento di riparazione tempestivo ha consentito di evitare l’interruzione della produzione.

Non ci sono state conseguenze per la sicurezza dei lavoratori e per l’ambiente circostante.

30 aprile 2021

“Report Stakeholder Engagement 2020” - Un’importante tappa in tema di dialogo con gli stakeholder e con i territori in cui operiamo

Il Report Stakeholder Engagement 2020, alla sua prima edizione, intende rendicontare le numerose iniziative intraprese da Buzzi Unicem a favore degli stakeholder, principalmente nei territori in cui l’azienda opera.

I progetti rientrano nella Politica di Stakeholder Engagement e la volontà è quella di dare evidenza al virtuoso percorso di dialogo instaurato nel corso degli anni, condividendo in maniera trasparente le attività in corso e le strategie dell’azienda nel breve e medio termine.

Il 2020 è stato un anno difficile, ma nonostante tutto siamo riusciti a consolidare gli impegni a favore della collettività e ad instaurare nuove partnership. Il report identifica i principali ambiti - sociale, culturale, educativo e sportivo - sui quali si è ritenuto opportuno concentrarsi, anche sulla base delle esigenze raccolte dai territori.

Nonostante le numerose difficoltà che la scuola ha dovuto affrontare in questi mesi, sono proseguite le attività di Alternanza Scuola Lavoro attraverso il canale dei webinar, recepito positivamente e diventato una prassi consolidata per mantenere vivo il contatto con gli studenti.

Buzzi Unicem riconosce l’importanza di costruire e mantenere rapporti di fiducia, basati sul rispetto reciproco, sul partenariato attivo, sulla trasparenza e sulla collaborazione nel lungo periodo con i propri stakeholder, per una creazione di valore condiviso.

02 aprile 2021

Efficienza e sicurezza: per lo stabilimento di Barletta un anno senza infortuni

Per la cementeria di Barletta il 2020 si è chiuso con un traguardo importante, che attesta l’assenza di infortuni sul luogo di lavoro, sia per i dipendenti sia per le ditte esterne.
Lo zero su questo bilancio evidenzia una buona pratica che si declina in comportamenti sicuri e corretti dando ancora più valore al binomio “efficienza e sicurezza”.

Questo risultato rappresenta per Buzzi Unicem un riconoscimento tangibile dell’impegno su tematiche relative alla salute e alla sicurezza di tutto il personale, interno ed esterno, e un invito a proseguire in questa direzione puntando al miglioramento continuo.

2020

12 settembre 2020

Continua la collaborazione tra Avis Barletta e Buzzi Unicem

Si è svolta il 10 di settembre, seppur contingentata e in linea con il protocollo anti Covid-19 aziendale, la quarta giornata Avis per la donazione di sangue, prevista inizialmente nella settimana dal 20 al 31 marzo 2020.

Buzzi Unicem ha partecipato all’iniziativa con il contributo diretto di molti colleghi, che hanno permesso all’associazione di rilevare un numero sempre maggiore di donazioni.

In tutto, i donatori sono stati 36, con trentuno sacche di sangue complete. Per il numero massimo di registrazioni raggiunto, altri quattro cittadini sono stati programmati per le domeniche successive.

I ringraziamenti di Avis confermano quanto il percorso intrapreso sia apprezzato, un importante stimolo per proseguire nel nostro impegno di supporto alla comunità locale con iniziative in campo medico-sociale e di volontariato.

02 settembre 2020

Buzzi Unicem sostiene due concorsi musicali internazionali

Il 31 agosto, presso la Sala Giunta del Comune di Barletta, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dei concorsi musicali che, grazie al contributo di Buzzi Unicem, la Fondazione Megamark onlus, insieme al Comune di Barletta, alla Regione Puglia e al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, offrono a molti giovani di talento la possibilità di realizzare il loro sogno.
Durante la conferenza stampa il Maestro Francesco Monopoli, Direttore Artistico della manifestazione, ha evidenziato l'importanza e la difficoltà di riuscire a organizzare dei Concorsi Musicali in un periodo precario come questo, che ha costretto a rivedere le modalità di realizzazione, fino alla decisione finale di trasmetterli on-line per non perdere la continuità dell'evento.

E’ intervenuto anche il Direttore dello stabilimento di Barletta, Luciano Nenna, che ha sottolineato come i Concorsi dell'Associazione Curci parlino un linguaggio giovane e in linea con lo spirito aziendale.

Buzzi Unicem, in continuità con il passato e riconoscendo il contributo delle arti allo sviluppo culturale, è lieta di sostenere questo tipo di eventi che creano una vera coesione tra mondo artistico e mondo dell’impresa, evidenziando la volontà di continuare a sostenere una manifestazione, destinata a crescere sempre più e ad essere un punto di riferimento per la città di Barletta, investendo nelle giovani generazioni.